Frutti acerbi di mirtillo gigante

Frutti acerbi di mirtillo gigante

I mirtilli accompagnavano l’inizio delle mie estati, quando ero bambina. Andavo a raccoglierli in montagna battendo a terra un bastone, come mi aveva insegnato papà, per allontanare le vipere.

Oggi è mio figlio a raccoglierli, semplicemente uscendo dalla porta della nostra veranda e prendendoli da un vaso lì vicino. Detto così sembra molto triste, forse perché a me le piante in vaso mettono un po’ di tristezza. Eppure loro sono intelligenti, forse più di tutti gli altri esseri viventi che non sono ancorati alla terra dalle radici*, e sono molto felici in quella posizione.

I mirtilli (Vaccinium) hanno un fiore a campanella, piccolo e bianco, che all’inizio dell’estate lascia il posto al frutto. A dispetto della sua dolcezza, vuole, esige, pretende una terra acida (dal ph basso, reperibile in tutti i vivai sotto la voce “terriccio per acidofile” che, comunemente sono azalee, camelie, rododendri). Per questo la nostra pianta di mirtilli è in un vaso: il calcare della nostra terra l’avrebbe uccisa subito.

Se, però, la vostra terra e la vostra acqua permettono alle cosiddette acidofile di crescere bene, potete lasciare che il mirtillo cresca fuori da un vaso, scegliendo tra le varietà quelle più basse e quasi striscianti o quelle più alte, che arrivano oltre un metro di altezza.

Il fiore bianco permette di accostare il mirtillo a qualsiasi altra pianta che sbocci in maggio, purché ami, come lui, ricevere tanta acqua. Il mirtillo gigante americano, che arriva ben oltre il metro di altezza, è molto bello contro un muro, contornato da piantine di Kalmia carolina.

Gli altri mirtilli, più bassi di altezza, possono fare da tappezzanti e aiutare a riempire aiuole di acidofile insieme a Skimmia ed Erica, in modo che risultino fiorite gran parte dell’anno.

C’è chi riesce a far crescere acidofile anche in terreni calcarei, mettendo un telo nella terra dell’impianto, isolando i due tipi di terriccio. Beh, io penso che la natura sia perfetta così. E per questo, mi dispiace, lascio fare a lei.

* Rif. Maurice Maeterlinck, “L’intelligenza dei fiori”


Maggio è il mese dell’orto, oltre che quello delle rose. E infatti le due cose sono strettamente collegate, almeno secondo la tradizione contadina, che vuole che la fioritura delle rose segni l’inizio della messa a dimora delle piantine nell’orto.

Coltivare le erbe aromatiche non è difficile; meno facile è invece posizionarle in una bordura al di fuori nell’orto, accostandole ad altre piante come se fossero solo ornamentali e non anche commestibili.

Uno dei fiori più belli è quello dell’erba cipollina (Allium Shoenoprasum).

Allium shoeniprasum (picture source: http://commons.wikimedia.org/wiki/User:Pharaoh_Hound)

Allium shoenoprasum (picture source: http://commons.wikimedia.org/wiki/User:Pharaoh_Hound)

 Fiorisce in estate e vuole il sole ma anche il terreno sempre umido. Da abbinare a Polygonum bistorta “Superbum” per avere sfumature di rosa per tutta l’estate, con Lysimachia clethroides per farla dominare dalle splendide spighe bianche di questa pianta o con Hemerocallis “Stafford” per ravvivarla con il rosso.

Al contrario, le piante del genere Salvia non amano i terreni umidi. Vogliono tanto sole e poca acqua. Se avete uno spazio da riempire e non volete fare molta fatica ad ottenere un cespuglio rigoglioso e fiorito, credo proprio che la Salvia officinalis Purpurascens faccia per voi. Le foglie tendono al rosso, i fiori al viola. Ed è perfetta così, mentre domina lo spazio per tutto l’anno, anche in cucina.

Salvia officinalis Purpurascens (picture source www.planthis.com.au)

Salvia officinalis Purpurascens (picture source www.planthis.com.au)

Anche le salvie ornamentali sono utilissime nelle bordure. Io amo la Salvia buchananii. Non è commestibile, ma ha un fiore talmente bello che non può mancare in un giardino.

Salvia buchananii (Picture source: http://www.flickr.com/photos/scottzona/1922347517/)

Salvia buchananii (Picture source: http://www.flickr.com/photos/scottzona/1922347517/)

Fiorisce da aprile all’autunno e resiste fino a -5°, per questo va protetta dal freddo nei climi rigidi. Vuole poca acqua e, data la sua fioritura precoce può essere associata ai bulbi a fioritura primaverile, dai quali può spuntare con il suo portamento eretto. E, vista la sua rifiorescenza, in estate è bellissima associata ad una tappezzante dai colori pastello, come la Phlomis russeliana, che ha foglie a cuore, persistenti, e fiori giallo burro.

Questi sono solo pochi esempi, giusto quelli da seguire in questi caldi giorni di metà maggio (Profumandosi le mani, raffinando l’olfatto).


Calma. E’ primavera ma non bisogna correre. Ormai in giardino le piante sono in fiore e non possono essere spostate in caso di nuovi progetti (anche se, confesso, io in casi estremi lo faccio). E poi, è tempo di dedicarsi all’orto.

Quello a cui forse alcuni non hanno mai pensato è che, per creare una nuova bordura, si può “pescare” anche dalle piante che solitamente trovano posto nell’orto: tra le altre, borragine (Borrago officinalis), melissa (Melissa officinalis), salvia ornamentale (Salvia nemorosa), camomilla (Matricaria recutita), timo (Thymus vulgaris), iperico (Hypericum perforatum), fragola (piante del genere Fragraria).

Quest’ultima, in particolare, è una pianta che si diffonde senza grandi problemi creando stoloni (rametti nuovi) che poi sviluppano radici proprie allargando la pianta. Scegliendo varietà che non si sviluppano molto in altezza possono fare da tappezzanti sotto ad altre piante, come gli Aster, o essere messe ai piedi delle bulbose che in questo modo non rimarranno soli nella terra dopo la sfioritura (le foglie dei bulbi non vanno mai strappate, ma lasciate seccare sulla pianta in modo che possano ributtare verso le radici tutto il nutrimento incanalato).

In primavera nascono piccoli fiori bianchi a 5 petali (nella maggior parte delle varietà) e poi, in tarda primavera o in estate, arrivano i frutti. Preferisce la mezz’ombra ed è perfetta per coprire spazi meno vissuti del giardino, proprio perché non al sole.

2013-05-08 12.43.34

E per mangiare le fragole in modo diverso:

Budino di fragole

Ingredienti: 100 gr di fragole; 2 cucchiai di zucchero di canna, 400 ml di acqua, 1 limone e 2 cucchiaini di agar agar, per renderlo gelatinoso.

Procedimento: Frullare le fragole e aggiungere il succo del limone spremuto; mettere sul fuoco un pentolino con l’acqua e lo zucchero di canna; una volta che l’ acqua bolle, spegnere, aggiungere l’ agar agar e lasciar raffreddare; mischiare poi con le fragole frullate. Mettere in frigo per qualche ora.

Tutto con molta, molta calma. (Ssshhh, non ditelo a nessuno, ma anche questo è un segreto del giardinaggio)

2013-05-08 13.58.27

La ricetta viene dal ricettario “Birra & Orto” in cui Lisa Casali, in occasione della campagna “Birrra gusto naturale”  propone 5 menu ecocompatibili e volutamente attenti ad evitare sprechi. Questo per dimostrare che, soprattutto in un momento di crisi come questo, si può trovare nell’orto un valido alleato in cucina. Tutte le ricette sono da gustare, ora che finalmente arriveranno giorni caldi, con una buona birra.

Vi assicuro che non sono una maga in cucina e se sono riuscita io ad eseguire una ricetta e ad essere pienamente sddisfatta del risultato, lo può fare chiunque. 

Vi auguro, allora, di godervi le vostre fragole e la loro, la nostra primavera.


Il mondo dei giardini non è luccicante. Può apparire vivace, festoso – come le aiuole miste di lupini, delphinium e aster – ma , chissà come mai, ha sempre un’aurea di mistero intorno. Sembra quasi che più i colori sono belli e gli accostamenti perfetti, più fanno paura, come se ci fosse un parallelismo tra un bel fiore e la difficoltà nel curarlo. Pur non essendo affatto vero, è forse questo timore che rende difficile avvicinare le persone ai giardini.

Beh, qualcuno ci è riuscito. No, non parlo delle grandi figure inglesi che hanno trasformato giardini in meraviglie e ne hanno scritto in articoli di giornale a persone che, per cultura, avevano fin da piccoli la mente predisposta verso il giardino. Parlo di un uomo che, pur essendo il più grande progettista italiano vivente, non si è accontentato di lavorare sui disegni di grandi parchi e li ha fatti aprire ai profani lasciando che restassero a bocca aperta e si innamorassero – anche solo per qualche istante – dei fiori.

Lo scorso week-end sono stata a “3 giorni per il giardino” (e ripeto: “per il giardino”, non per noi, per lui, per loro, ma solo per il giardino), un mercato di piante e fiori incastonato in un castello sperduto vicino a Ivrea, Piemonte. Lo ha voluto lui, Paolo Pejrone, colui che ha creato i viali di spiree spumeggianti che portano al castello di Masino e poi, con il suo abbigliamento così tanto “giardiniere raffinato”, completo di cappello onnipresente, ha voluto le sue amate piante esposte a tutti, spiegate, mostrate nel contesto più bello possibile.

Ormai è passato e i tre giorni sono volati. Ma – sapete una cosa? – i fiori restano.

2013-05-03 10.24.46

Tra gli altri, Allium rosenbachianum, Lupinus, Digitalis purpurea var. alba, Armeria maritima, Scabiosa, Phlox paniculata, Salvia Viola Klose.


“Era inverno e una ragazza sognò di mettere germogli. Iniziò con una gemmina da niente, che neanche si vedeva, appena sotto la corteccia. Ma siccome era una ragazza che non lasciava le cose a metà, notte dopo notte, un po’ alla volta, si lasciò crescere e mise gambo, radici, steli, viticci, foglie, stami, pistilli, petali e poi fece persino frutti, e dopo semi che suonavano a ogni colpo di vento. Si coperse anche tutta di una scorza di un bel verde chiaro. Venne estate e intorno le ronzarono i calabroni, gli uccelli dall’alto la guardavano, pensando che prima o poi si sarebbero fermati su quell’erba nuova. Vennero anche dei bambini a giocare lì vicino. Era inverno e la ragazza dormiva, la fronte limpida, piena di bel tempo, nelle orecchie i ronzii lontani dell’estate. I bambini avevano le mani fredde di neve e si riscaldarono.”

Da “Nove storie sull’amore”, Giovanna Zoboli e Ana Ventura – Topipittori

Sogno, con il mio annaffiatoio, di aiutare le persone a mettere germogli, come è successo a me. Per questo è nato “Giardini e Giardinetti”, pronto ad ascoltare chiunque desideri riempire di gemme un giardino, un giardinetto, un balcone, un davanzale.

Progettare il verde con amore, questo fa Giardini e Giardinetti.

Per più info, ABOUT

IMG_6324