Una farfalla posata su un fiore di Verbena bonariensis

Una farfalla posata su un fiore di Verbena bonariensis

La prima volta che ho visitato il giardino di una mia amica irlandese (quindi una che per cultura ha nel dna il concetto di giardino, verde, bordure, fiori) era estate.

Mi ricordo che nel cortile di fronte alla casa c’erano queste grandi aiuole rialzate dove la Datura e le sue grandi campane mi avevano ipnotizzato. Erano esattamente dove dovevano stare. Nel posto perfetto, incrociate ad altre piante che la lasciavano dominare facendole, nello stesso tempo, una compagnia perfetta.

Quando ho staccato gli occhi da quella aiuola ho notato che c’era qualcos’altro di così perfettamente inglese da lasciarmi incantata lì, in mezzo al giardino. Di Verbena bonariensis ne ho vista tanta, in tante bordure. Ma c’è qualcosa nel gusto inglese per le bordure che la rende diversa, con quel suo spiccare tra le piante più basse come se fosse lì a caso. Che poi, in effetti, lei decide spesso di mettersi in un posto a caso del giardino. E se si può, è bello lasciarla fare oppure assecondare la sua indole. Esattamente come fanno gli inglesi.

La mischiano con le Carex, delle graminacee che riempiono da sotto il vuoto che lascia il suo portamento slanciato. E la affiancano a Gaura e Salvie ornamentali. La Verbena bonariensis, infatti, ha un color viola decisamente non volgare, con sfumature che si sposano benissimo con i bianchi rosati della Gaura, ma anche con l’arancio tenue di una Salvia “Il pellegrino”.

In realtà, nel mio giardino la immagino più vicina alla mia Rosa Mutabilis, che ha fiori che sbocciano in un arancio chiaro ma luminoso e in due giorni passano al rosa e poi al fucsia.

Sì, penso che le avvicinerò, ora sono troppo lontane tra loro.

Posted in Bordure
Share this post, let the world know

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current day month ye@r *